Marzo 2019

Scegliere un testimonial: un’occasione per lasciare il segno

Evangelisti di nuove tendenze, ambasciatori di mondi estremi, recordman olimpionici, speakers-celebrità, opinionisti, motivatori, formatori, sociologhi, antropologi, veggenti, illusionisti e dietologi, donne e uomini di spettacolo, imprenditori di successo, artisti, ma anche chef, coach, sportivi e campioni di tutte le gare, ex di questa disciplina e di quell’altra… e di molto ancora si compone il variegato e dinamico vivaio dei testimonial; universo sempre animato da mode e tendenze dove talvolta si confondono celebrità e credibilità, merito, talento, caso e fortuna.

Individuare il testimonial o l’ospite speciale più adatto per la propria platea e più coerente con i propri messaggi non è cosa facile, e porsi più di un interrogativo può aiutare a selezionare quel profilo che aggiunge reale valore ai contenuti dell’incontro. Ciò fatto la scelta può rimanere comunque ampia in quanto individuare CHI o COSA (in una selva di competenze, riconoscimenti, curriculum…) non ci garantisce in alcun modo circa l’incisività o la memorabilità del COME.

La capacità di comunicare con efficacia è una dote rara e non sempre cresce parallela con la notorietà o il successo di una personalità. Gli interventi più intensi vanno oltre la presenza di un noto ripetitore e richiedono di orientarsi con un preciso obiettivo: selezionare profili che lascino il segno, esperienze di valore, ma anche vive, e soprattutto condivise con sincera emozione, con l’energia della passione e tanta generosità.

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.