febbraio 2018

Realtà Virtuale: cos’è e come cambia il tuo evento

 

La realtà virtuale può essere l’elemento chiave per arricchire un evento, rendendolo coinvolgente e memorabile per i partecipanti.

Cos’è esattamente la realtà virtuale?

La realtà virtuale, virtual reality o VR, è un ambiente digitale, totalmente artificiale, in cui il fruitore si immerge indossando dei visori, con la possibilità di interagire con l’ambiente e gli oggetti visualizzati.

Esistono diversi tipi di visori, dai più semplici Cardboard, occhiali di cartone in cui alloggiare uno smartphone che funge da schermo, a caschetti completi di cuffie e controller da impugnare, per un’esperienza ancora più interattiva ed immersiva.

Realtà virtuale, realtà aumentata, realtà mista: quali sono le differenze?

La realtà aumentata, augmented reality o AR, arricchisce il mondo reale con elementi digitali: informazioni, immagini, stickers, avatar, prodotti ed architetture 3D possono essere osservati grazie ad app installate su smartphone e tablet. Attraverso lo schermo vengono visualizzati gli elementi virtuali inseriti nella realtà ripresa dalla telecamera dei device. L’esempio più famoso è l’app Pokemon Go, che nel 2016 ha avuto grandissimo successo.

 

 

La realtà mista, mixed reality o MR è un mix di realtà virtuale e aumentata: attraverso dispositivi come Hololens, è possibile visualizzare gli elementi virtuali all’interno dell’ambiente reale, con la facoltà di interagire sia con gli oggetti virtuali che con quelli reali per mezzo di gesti predefiniti.

Per meglio approfondire ogni tecnologia e la sua applicazione al campo degli eventi, proporremo una serie di articoli monotematici sulle diverse tecnologie immersive; in questo ci soffermeremo sulla realtà virtuale.

Come rendere il tuo evento spettacolare grazie alla realtà virtuale?

La realtà virtuale può arricchire un evento in molti modi, sostenendo la realizzazione degli obiettivi di comunicazione e business: promuovere un prodotto o una location, trasmettere la vision aziendale, fare formazione, intrattenere gli ospiti in modo attivo e divertente, presentare la nuova brand identity e molto altro.

Promuovere una location con la realtà virtuale

Quale migliore scelta per mostrare ai presenti un luogo che ancora non esiste? Indossando il visore, l’utente può vivere in anteprima una nuova sede ancora in costruzione o valutare l’allestimento di uno spazio; immagini e suoni renderanno reale l’esperienza, nutrendo l’immaginario.

United Airlines, ad esempio, per far conoscere al pubblico la nuova Polaris Business Class, ha scelto di ricostruire virtualmente gli spazi della cabina e durante gli eventi promozionali ha invitato i partecipanti ad esplorare gli ambienti per vedere in prima persona l’eccezionale comfort dei sedili. Una scelta vincente, per creare attesa ed entusiasmo nel pubblico.

Anche Nestlè ha scelto la realtà virtuale per mostrare la nuova sede di Francoforte: il video a 360 gradi accompagna nell’esplorazione degli uffici.

Promuovere un prodotto con la realtà virtuale

Il lancio di un prodotto, se accompagnato dalla realtà virtuale, diventa memorabile. Volvo USA per promuovere il SUV XC90 ha realizzato un video a 360 gradi, che può essere visualizzato sul proprio smartphone e diventa immersivo se inserito in Cardboard brandizzati. Tutti possono provare l’emozione della guida del SUV in uno scenario mozzafiato.

La realtà virtuale diventa utile anche per mostrare prodotti ancora in fase di progettazione: grazie al visore l’utente non deve più solo immaginare quello che sarà prodotto, ma può già viverlo, guardarlo da vicino ed interagire con esso. Candy nel 2017 all’Ifa di Berlino ha presentato al pubblico la “Kitchen of the Future” di Hoover: grazie ai visori VIVE i presenti hanno sperimentato la cucina del futuro immersi nella realtà virtuale.

Fare formazione con la realtà virtuale

Grazie alla realtà virtuale è possibile creare dei tutorial che permettono al fruitore di mettere in pratica in tempo reale gli insegnamenti, ottimizzando e migliorando il processo di apprendimento; ad esempio, nel video che segue, l’utente impara a riparare una pompa industriale immerso nella realtà virtuale. Questa soluzione facilita la spiegazione di processi complessi e l’acquisizione di nozioni e di best practice e può essere inserita con successo in un evento.

Engagement durante l’evento con la realtà virtuale

La realtà virtuale può essere usata anche per scopi puramente ludici proponendo giochi immersivi atti a divertire ed intrattenere il pubblico. Per rendere più spettacolare l’esperienza e coinvolgere anche chi in quel momento non stia indossando il visore, è possibile proiettare l’esperienza del singolo su un grande schermo, intrattenendo così la totalità dei presenti. Con Tilt Brush chiunque può trasformarsi in un pittore, disegnando con colori e luce nello spazio tridimensionale. Il divertimento e il coinvolgimento sono assicurati.

Video ispirazionali 360° per veicolare la vision aziendale con la realtà virtuale

Posso sfruttare il forte impatto emotivo generato dalla  realtà virtuale per veicolare messaggi importanti, ad esempio mostrare la vision del brand o raccontarne la storia, rivelare la genesi e il processo produttivo di un prodotto o stimolare delle riflessioni su alcuni temi. Ad esempio, Nescafè porta il cliente nella foresta sudamericana, a fianco dei contadini che raccolgono i chicchi dalle piantagioni di caffè, per vedere in prima persona i luoghi in cui nasce il prodotto.

Promuovere la nuova immagine aziendale con la realtà virtuale

Anche la presentazione di una nuova immagine aziendale può diventare più coinvolgente grazie alla realtà virtuale. Ad esempio, in occasione della presentazione del restyling del logo e dell’immagine coordinata di Prometeia, abbiamo proposto un gioco interattivo, il cui scopo era di scovare, all’interno dell’ambiente virtuale, i vecchi loghi aziendali. In molti si sono messi alla prova, indossando i Samsung Gear VR.

Conclusioni

La realtà immersiva genera grandi emozioni, per questo è lo strumento ideale per le aziende che vogliano comunicare con più efficacia i propri valori e presentare in modo spettacolare prodotti e location.

Le possibilità sono molteplici e devono essere valutate in base ai propri obiettivi di business.

In ogni caso l’effetto wow è assicurato, l’azienda accrescerà la propria brand awarness e i partecipanti, coinvolti in modo divertente, diventeranno i primi ambassador.

Autore: Monica Corraini – Web & UX Designer Novitylab

Questo sito prevede di utilizzare determinate categorie di cookie per diversi motivi. Per ottenere maggiori informazioni sulle categorie di cookie utilizzati e limitarne l’utilizzo, consulta la cookie policy.